settembre 05, 2008

Il complemese


Oggi i bambini compiono quattro mesi di vita.

Che il tempo corra è universalmente noto. Che io abbia poco piacere che crescano in fretta l'ho già scritto. Però, come qualche amico di blog mi aveva assicurato, è incredibile vederli fare piccoli e grandi progressi e ogni fase è unica e irripetibile. Confermo.

Oggi sanno vocalizzare per minuti interi e sorridono in abbondanza. Stringono forte qualcosa e non la mollano più. Ti seguono con gli occhi quando ti muovi e abbozzano una specie di risata quando la mamma gli fa fare lo "shake".

Loro scoprono il mondo e noi ci sorprendiamo ad ogni loro conquista.

Bilancio di questi primi mesi:
- umore sereno, come mai nella vita (e il consorte ne sa qualcosa)
- adesso è tutto abbastanza facile, il "bello" verrà dopo...(leggo i blog delle altre mamme!)
- prevedo crisi esistenziale quando dovrò tornare al lavoro...
<

14 commenti:

alleg67 ha detto...

Auguroni di cuore ai piccoli panterini, sono veramente un amore!!!
E' bello leggerti dai serenità..grazie!!

Anonimo ha detto...

Auguroni piccolini !!!

"adesso è tutto abbastanza facile, il "bello" verrà dopo...(leggo i blog delle altre mamme!)"

è vero....goditi se puoi ora il tempo libero che ti lasciano...dopo ne avrai ben poco !!!

katia bimammadiduegemellidiunannoemezzo

valewanda ha detto...

ci credi che ho digitato sette volte la parola per pubblicare il commento?
Comunque brava Laura, stai afforntando con maestria questa esperienza, se penso a me veramente ero uno straccio... il mio premio te lo meriti tutto... baci

paola ha detto...

Vedrai che sarà sempre meglio... gattonare, camminare, parlare... sono conquiste importanti da godersi fino in fondo.
Il periodo più faticoso per me è stato quello dei primi mesi, la strada poi, è stata sempre in discesa.
Ciao paola

2Gemelle ha detto...

confermo tutte e 3 le tue conclusioni finali. Ah... AUGURONI!!!

micmic ha detto...

Ma lo sai che leggendo il tuo blog viene voglia di fare un figlio pure a me??!

Laura mlt ha detto...

@alleg67: mi fa piacere trasmettere serenità. ma anche tu sai, quando leggo il tuo blog mi metti allegria perchè sei sempre propositiva.
@katia: la mia fortuna è che sono abbastanza realista nella vita quindi comincio già a pensarci e dico a mio marito che DOPO ci sarà da lamentarsi e NON ADESSO, poi ho una carissima amica che ha due gemelli di 1 anno e 4mesi e quindi vedo la mia vita futura in anteprima!
@valewanda: grazie di cuore per il premio e per le tue parole...dette da te valgono molto di più!
@paola: se me lo dici tu che ne hai quattro allora comincio a crederci, eh!
@2gemelle: grazie! quando le due coppie avranno attorno ai vent'anni magari li facciamo conoscere si sa mai che scocchi una scintilla! le tue sono proprio due principessine!
@micmic: guarda, la differenza la fanno le ore di sonno e la voglia di mangiare dei piccolini. io per il momento sono stata fortunata su tutti e due i fronti e con tutti e due soprattutto...comunque un figlio lo devi per forza fare, eh? però fate i fidanzatini ancora un po' voi due!

Diletta ha detto...

Auguri ai piccoli!

Renado Gimaga ha detto...

AUGURI AI PANTERINI DALLO ZIO PIù BELLO E (PER QUESTO) BUGIARDO DEL MONDO EHEHEH
ADESSO CHE HO AVUTO LA "CERTEZZA" CHE UNO-SE NON TUTTI E DUE- AVRà COME PADRINO AL BATTESIMO E ALLA CRESIMA IL SOTTOSCRITTO SONO MOLTO SODDISFATTO.
SONO UN Pò AMAREGGIATO, XK HO SENTITO CHE GLI ASPIRANTI TESTIMONI DI NOZZE SONO DIVERSI, MA ANCORA UNA VOLTA NON POTRò CHE ESSERE IO.
ALTRIMENTI MI OFFENDO.

lo Zio Renado Gimaga

Renado Gimaga ha detto...

Ringrazio mia cognata, per aver nel corso di un precedente post, chiesto espressamente un mio intervento, utile a sviluppare la radice e provenienza di uno dei tanti soprannomi di mio mio fratello. Ritengo sia il più emblematico :SEBASTIAN.
E' noto a chi lo conosce, se pur poco, che mio fratello è la persona più scontata di questa terra.
Non è da considerarsi negativamente quest'aspetto, anzi per chi come me vanta la soddisfacente media di un favore richiesto al fratello al mese, ha bisogno di una strategia chiara senza troppe "sorprese". La prassi è quella che ci vuole.
La sua discontinuità razionalizzata, l'incapacità di mantenersi stabilmente su un'idea, un giudizio (sia esso politico, che calcistico) per più di 4/5 minuti rende da una parte complicati da seguire i discorsi, ma al tempo stesso, molto semplice il "giochetto", il cui copione è pressappoco identico, da almeno 32 anni (prima non c'ero e non posso dire).
I discorsi fatti con mio fratello sono condizionati dall'oramai dichiarata difficoltà di mio fratello ad "accordarsi in prima battuta".
Il suo pensiero, quando non è pregiudiziale, è sempre e comunque manifestamente contrario alla tesi che va per la maggiore. Nei discorsi dice sempre il tutto e il contrario di tutto, ma dopo tutta la polvere sollevata, senza troppo timore si deve avere la costanza e pazienza di aspettarlo al varco. Arriverà.
I discorsi iniziano sempre in modo complicato, aspetta il posizionamento dei presenti per dichiararsi contrario cercando appigli (servendosi anche di fantasia) per screditare la tesi.
Diciamo che 32 anni di esperienza mi sono serviti (perlomeno) a saperlo prendere. Perchè è di cuore. Lui deve solo dire il contrario di quello che dici tu. Poi va bene qualsiasi cosa. E quindi il trucco è sostenere il contrario di quello che si pensa, per vederlo convenire sulle proprie tesi. Ricordo che per farmi regalare da mio fratello un biglietto del Derby Inter Milan, dovetti dire che "quel biglietto non lo volevo, che preferivo la TV". Insistette per darmi il biglietto a tal punto, che dovetti accettare con "grande sacrificio". Se solo si fosse accorto della farsa e che quel biglietto, invece, lo desideravo disperatamente, chissà a quale barbone lo avrebbe regalato piuttosto che darmelo a me.
Tutto questo sembra fastidioso e forse lo è per chi non lo conosce o lo conosce poco. Invece è tra gli aspetti più divertenti di mio fratello. Prevedo che i gemelli in futuro, per poter uscire in cortile a giocare con gli amici dovranno dire "Papà noi non usciamo, preferiamo studiare letteratura Russa e religione".
Tutte le volte, le infinite volte, che necessita il suo aiuto, la vera sfida è un accorto studio su quale sia l'approccio indolore. L'impatto frontale è sempre disastroso e improduttivo. Mai andarci difronte e chiedere "Giacomo, mi faresti un favore? mi servirebbe....". Sono formule obsolete, destinate a sopperire davanti al cervello di amianto compattato di un bastian contrario di quasi 40 anni. La risposta in questo caso sarebbe "no, non posso" "è troppo difficile" "non ho tempo, non si può fare" ecc
Validi studi hanno confermato che l'approccio che vanta maggiori possibilità di riuscita è quello "rassegnato" o "disinteressato" .
Ad esempio mai dire "Giacomo, mi verresti ad aggiustare il Computer che ha problemi?" ma piuttosto "cavolo, questa volta il Computer lo devo buttare. Non c'è niete da fare. Non ti ho nemmeno chiamato perchè questa volta è davvero da buttare".
L'intervento riparatore del fratello, con quest'ultima frase, è assicurato.
Avrò qualcosa da insegnare ai panterini.
Costa fatica, ma tant'è che per ottenere bisogna studiarsele tutte...
Renado Gimaga

Laura mlt ha detto...

@renado gimaga 1: caro cognato, per evitare ulteriori incidenti diplomatici (che con la nascita dei gemelli ce n'è già stato uno di proporzioni inimmaginabili!)ti nominiamo fin da ora padrino per la cresima di uno dei panterini.
@renado gimaga2: davvero magistrale il saggio su tuo fratello, nonché mio marito: mi sono sbellicata dalle risate (lui ha sorriso e basta) direi che le frasi che lo descrivono di più sono:
"il suo pensiero....è sempre e comunque manifestamente contrario alla tesi che va per la maggiore"/
"l'impatto frontale è sempre disastroso e improduttivo"
...e poi è verissimo che utilizza elementi di pura fantasia per screditare la tesi altrui!

alleg67 ha detto...

questo cognato mi é simpatico...

Marito ha detto...

PARENTI SERPENTI !!!!!!!
LE VOSTRE INSINUAZIONI SCIVOLANO NELLA MIA INDIFFERENZA.

alleg67 ha detto...

ma dai marito é bello avere un fratello cosi'...
su .su..non essere cosi' ....