novembre 04, 2012

La festa di Aulin

Inizio col fare una piccola premessa sulla festa di Halloween, ormai ribattezzata la festa di Aulin (con buona pace di Christian e della mia cervicale). Mi sono stupita che all'asilo ci abbiano fatto i lavoretti a tema e dalla mia posizione talebana di qualche anno fa (è un'americanata, e noi popolo bue andiamo scopiazzando), son passata a quella più moderata (sta festa mi fa schifo ma il must è so-cia-liz-za-re, do you remember?). Quindi ho detto di sì ad una festicciola organizzata sotto casa, anche perché l'impegno massimo era prendere l'ascensore mentre il fattore di interesse per i miei figli raggiungeva i massimi livelli giacché vi partecipava il loro amico del cuore.
Peccato che a questa festicciola, organizzata da un'associazione di quartiere, si è presentato un numero spropositato di bambini con il loro bel genitore mascherato al seguito (noi no, naturalmente). Un successone per chi organizzava, un festone per chi si divertiva, una bolgia per tutti gli altri. Resoconto dell'evento: arrivo ore 20.15, abbuffata di caramelle, dopo 60 minuti netti i due abbandonavano la festa, un po' storditi e un po' delusi. Questa non era una festa. Le feste sono grandi! E te credo, mancava lo spazio. E vabbe', per quest'anno è andata così. Sta festa continua a darmi un discreto fastidio, e non si tratta di tradizioni o quant'altro, è che non mi piace proprio. Un'appendice del Cavernale, che pure quello, lasciamo perdere. Io ci ho provato ad applicarmi. Ecco, magari l'anno prossimo mi impegno di più.
Voltando pagina, con oggi ha termine questo bel ponte di quattro giorni quattro. Non che abbia voglia di tornare al lavoro ma, visto il livello adrenalinico della prole in questi giorni, forse, ecco,  in ufficio mi rilasso un po'. E già che sono entrata in tema, un avviso ai naviganti: "domani torno in ufficio, così mi rilasso un po'" è una di quelle frasi che possono pronunciare solo le madri lavoratrici (a se stesse o tra di loro). Cioè, se dopo il ponte, una mamma che non lavora ti vede uscire di casa e ti dice vai al lavoro? Eh, così ti riposi! Non va bene: è una frase del cacchio. Vale solo tra pari, non so se mi spiego.
E con questa perla di (acida) saggezza, auguro una buona settimana a tutti.

14 commenti:

Alessio ha detto...

Anche io soffro di cervicale è fastidisissima a volte mi gira anche la testa, qindi a volte io faccio anche la festa di voltaren pomata e cerotti calmanti, sono bellissime feste che ti calmano e ti rilassao eheheheh!!!

MAMMA AL QUADRATO ha detto...

I cerotti calmanti mi interessano. Come si chiamano? Ma soprattutto, funzionano?
P.s. Immagino che questo sia l'account di tuo marito. Nell'altro tuo commento mi hai detto che sei anche tu mamma di gemelli. Come ti chiami?

Mammaalglutammato ha detto...

Aulin: mitici!

franci ha detto...

anche io odio la festa di "Aulin" mentre aimè amo (mio malgrado l'aulin) ...

e per le mamme lavoratrici ...assolutamente d'accordo!! Che mamma non lavoratrici osi dirmi mai una frase del genere!!!

MAMMA AL QUADRATO ha detto...

@mammaalglutammato: :-D
@franci: mal comune... ;-)

Micaela ha detto...

ma come sono d'accordo!!!!! Soprattutto sul commento da mamma lavoratrice "acida"!!!!!
Micaela

MAMMA AL QUADRATO ha detto...

@micaela: evviva le mamme "acide" quando ci vuole! 😃

MAMMA AL QUADRATO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
lollamamma ha detto...

Parole sante. Dopo il ponte anche io ero nelle tue stesse tragiche condizioni!

MAMMA AL QUADRATO ha detto...

@lollamamma: ah, ecco, meno male! 😃

Phaedra ha detto...

Laura, ti ho assegnato un premio nel post "Piccole grandi soddisfazioni" sul mio blog.

AntonellaVi ha detto...

Ciao Laura, non ricordo come sono capitata nel tuo blog ma mi ci sono soffermata perhè di feste a base di Aulin ne faccio anch'io. Anch'io sono una madre lavoratrice che pensa di andare a lavoro per riposarsi e ovviamente questa frase è consentita tra pari. Anche io ho un capolavoro che si chiama Mattia.
passa a trovarmi se ti va!

MAMMA AL QUADRATO ha detto...

@phaedra: grazie :-)
@antonellaVi: passo da te...

Anonimo ha detto...

Ciao. Questa situazione sembra molto quella di casa mia con due bimbi piccoli e un po' pestiferi (anche se non sono gemelli) io penso di regalare loro per natale un giochino divertente che insegna anche l'inglese. Si chiaa Canta English e utilizza le filastrocche sia per insegnare l'inglese e sia per tenere i bimbi concentrati su una cosa. Provatelo è divertente. Trovate tutto qui www.cantaeglish.com